Migliore aspirafoglie 2018

Introduzione

In commercio possiamo scegliere principalmente tra due grandi tipologie di aspirafoglie, quelli dotati di motore a scoppio, o più semplicemente quelli elettrici. I primi, sono perfetti per pulire anche le superfici più estese, mentre con i secondi non ci si deve mai preoccupare dell’autonomia. Ma qual è quello più adatto alle tue esigenze? Preferisci un modello leggero e maneggevole, oppure hai bisogno di un soffiatore con sacco integrato per raccogliere le foglie? Attenzione, perché per sbagliare l’acquisto ci vuole davvero poco e pentirsi dei soldi gettati “al vento” è davvero un attimo! Non sbagliare l’acquisto del tuo prossimo soffiatore, seguendo i consigli che troverai all’interno di questa guida.

Come scegliere un soffiatore

Mantenere il vialetto o il proprio giardino davanti casa pulito durante l’autunno, non è affatto un’impresa così semplice, soprattutto a causa delle molte foglie che si staccano dagli alberi durante questo periodo. Alcuni utilizzano ancora il rastrello, ma il compito si può notevolmente facilitare grazie all’uso di un soffiatore. In commercio se ne possono trovare davvero moltissimi modelli, più di quanti tu possa immaginare. Puoi trovare il soffiatore a scoppio, dotato dunque di un motore alimentato a carburante, oppure elettrico. Mettendo a confronto i vari modelli ed i loro prezzi, ti accorgerai che scegliere quello più adatto alle tue esigenze, è meno semplice di quanto pensassi. Per questo motivo abbiamo realizzato una guida che ti aiuterà a scoprire di più sulle caratteristiche di questo prodotto e come orientarti nell’acquisto.

Le dimensioni

soffiatore La dimensione del soffiatore è il primo fattore da prendere in considerazione prima di procedere al suo acquisto. In commercio, infatti, è possibile trovare modelli di aspirafoglie adatti per qualsiasi occasione, che si distinguono tra di loro per peso e dimensioni, a volte con differenze davvero notevoli. I modelli più compatti e leggeri, destinati evidentemente ad un utilizzo hobbistico, in grado di generare 700 metri cubi di aria per ora circa, possono essere portati facilmente a mano, grazie ad un’impugnatura ergonomica ed antiscivolo, ed un peso che generalmente, non supera i 3 chilogrammi. Chiaramente, non sono progettati per essere trasportati in aree particolarmente grandi e quindi, si adattano perfettamente a coloro che dispongono di piccoli giardini o terrazzi. Il soffiatore a spallo, invece, sono certamente superiori in potenza, ma anche in peso e dimensioni. Infatti, questi attrezzi si indossano come dei veri e propri zainetti. Il peso, è di circa 10 chilogrammi. Tuttavia, proprio grazie a spallacci comodi ed imbottiti, il loro trasporto non è così difficile come si possa credere. Rispetto a quelli manuali, questi apparecchi sono più adatti per “trattare” aree più vaste. La terza ed ultima opzione, comprende il soffiatore a scoppio, ovvero il modello professionale, che magari avete visto qualche volta indossare ai professionisti ai bordi delle strade, dopo che è stata tagliata l’erba selvaggia. Sono i più potenti ed ingombranti tra i tre e sono utilizzati principalmente per la pulizia di grandi aree e parchi. Ogni brand offre la propria tipologia di soffiatore, da quello manuale a quello professionale. Scegliere quello più adatto alle proprie esigenze, farà risparmiare soldi e fatica.

L’alimentazione

Prima di acquistare un qualsiasi soffiatore, altro aspetto da tenere ben presente, è il tipo di alimentazione desiderata. Come detto in precedenza, si può scegliere tra soffiatore a scoppio o elettrico. Quest’ultimo, è suddiviso in un’ulteriore sotto categoria, in quanto è possibile acquistare un motore elettrico, alimentato da cavo della corrente o da batteria. Nel primo caso, avremo a disposizione un aspirafoglie dalla autonomia praticamente infinita, ma limitato nei movimenti a causa del cavo elettrico, nel secondo, avremo un’autonomia più limitata, ma la possibilità di spostarci in qualsiasi luogo. Il soffiatore dotato di motore a scoppio, invece, sono quelli più grandi ed ingombranti. Il vantaggio è quello di avere un apparecchio molto potente, in grado di ripulire anche le aree più grandi, ma si tratta anche di un attrezzo generalmente più “sporco” a causa del carburante da utilizzare per alimentarlo e dalla manutenzione un po’ più particolare.

Funzionalità doppia

Le differente tra i vari soffiatori, non sono determinate solo dal tipo di alimentazione, dal prezzo e dalle dimensioni, ma anche da tutta una serie di funzioni accessorie, che possono aumentare la versatilità del prodotto. Alcuni modelli, infatti, non tutti, oltre alla funzione di soffiare via le foglie, sono anche in grado di aspirarle. In questo modo, si ha la garanzia non solo di pulire il proprio vialetto, ma anche di tenerlo pulito per più tempo, perché non basterà una folata di vento per riportare tutte le foglie che abbiamo sparso ai lati al suo interno. L’aspirafoglie, infatti, è dotato di un vano per la raccolta delle foglie secche, che va svuotato dopo ogni utilizzo. È come acquistare due prodotti in uno! Molto interessanti, sono le funzioni che consentono anche di regolare la velocità del flusso d’aria o di allungare ed accorciare il tubo dell’aspiratore a seconda delle proprie esigenze. Inoltre, avere a disposizione un apparecchio facile da smontare, renderà le operazioni molto più semplici al termine del lavoro.

Un soffiatore con batteria può essere potente come uno a scoppio?

soffiatore a scoppioIn passato, questa era una vera e propria utopia. I modelli a benzina, sono da sempre i più potenti del mercato, tuttavia, l’evoluzione tecnologica, oggi ha consentito di realizzare batterie sempre più potenti, che hanno avvicinato le prestazioni dei modelli elettrici a quelli dotati di motore a scoppio. I modelli più moderni sono in grado non solo di fornire delle prestazioni molto elevate, simili a quelle offerte dai soffiatori con motore a scoppio, ma sono anche molto più silenziosi di questi ultimi. Si tratta di una caratteristica non da poco, anche perché utilizzare per molte ore un soffiatore a scoppio, richiede certamente l’utilizzo di cuffie di protezione per le orecchie, invece, con questi modelli elettrici innovativi, non sono più necessarie! Grazie a tutto ciò, è possibile utilizzare un moderno soffiatore, sia all’esterno che all’interno, per la pulizia, ad esempio, di grandi capannoni. I modelli di soffiatori elettrici più moderni, sono dotati di una perfetta ergonomia, un peso bilanciato, un avvio praticamente istantaneo e di regolazione della velocità.

Un soffiatore per ogni esigenza

Prima di concludere con la nostra guida, vorremmo analizzare caso per caso le situazioni che si potrebbero venire a fronteggiare quando si tratta di ripulire un vialetto e indirizzare per ogni esigenza, verso un tipo particolare di apparecchio.

  • Aree di piccole medie dimensioni.

Se proprio devo dare un consiglio spassionato, io preferirei acquistare un soffiatore con doppia funzione, quindi che funzioni anche da aspiratore. Per aree di piccola media dimensione, sceglierei un prodotto piccolo e maneggevole, magari di qualche brand famoso, che garantisca anche qualità dei materiali, efficacia nella progettazione e qualche anno in più di garanzia. Per facilitare il suo utilizzo, sceglierei un modello dotato di tracolla e un sacco per la raccolta delle foglie di almeno 45 litri, più che sufficiente per dare una bella ripulita in giardino. Se proprio dovessi scegliere la misura del bocchettone, ne sceglierei uno con un’apertura ampia, anche se poi bisognerebbe fare attenzione a non aspirare anche ciò che non bisogna aspirare! In termini di potenza, sceglierei un piccolo tornado, qualcosa che possa garantire sui 300 km/h di capacità di soffio! Ideale per terminare il lavoro perfettamente e in pochi minuti. Potendo scegliere, propenderei sempre per un modello elettrico dotato di cavo di alimentazione. In questo modo non avrei mai a che fare con cali di potenza dovuti alla batteria scarica e ogni volta che lo prendo per utilizzarlo, non dovrei preoccuparmi di averlo messo sotto carica l’ultima volta.

  • Aree di grandi dimensioni.

McCulloch, Bosch, Einhell, Alpina e via discorrendo, sono tutti marchi famosi che progettano e realizzano i migliori soffiatori/aspiratori in commercio. Più che dire che uno vale l’altro, sarebbe meglio dire che è meglio affidarsi ad un marchio famoso, piuttosto che ad uno sconosciuto. Chi acquista questo attrezzo, lo fa perché lo dovrà utilizzare per tanti anni e avere un prodotto sicuro e costruito con materiali di elevata qualità è fondamentale. Tuttavia, la qualità, la possono garantire solo i marchi migliori. Tutti i marchi sopra elencati, forniscono soffiatori elettrici di buona potenza, ma quando si tratta di aree molto grandi, allora entrano in campo i cavalli di razza! Per giardini o terrazzi dalla metratura “importante”, direi di scegliere ancora un modello dotato di motore a scoppio, perché tenerli accesi dona ancora tantissima soddisfazione. Mai troppo pesanti, soprattutto se il fisico non lo permette, 4-5 kg sono già abbastanza. In termini di potenza, si può optare per un motore a due tempi da 25 cc, una piccola bestiola. Importante in questo caso, scegliere un modello dalla manutenzione semplice, le cui parti da pulire possano essere rimosse facilmente, soprattutto perché sono operazioni da fare ogni volta che si utilizza l’attrezzo. Infine, dato che si tratta di un apparecchio professionale, dotato di un certo peso, deve essere provvisto di un’impugnatura ergonomica ed antiscivolo con tutti i sistemi di sicurezza possibili ed immaginabili. Il soffiatore deve essere affidabile, non troppo economico e garantire prestazioni elevate, per ottenere il meglio dalla pulizia del proprio viale, giardino, terrazzo o aree di gioco.