Migliore tagliabordi elettrico 2017

Introduzione al tagliabordi elettrico

In commercio puoi trovare due tipologie principali di tagliabordi, quelli dotati di motore a scoppio e quelli con batteria. Ma oltre all’alimentazione, ci sono anche altre caratteristiche che differenziano i due modelli. Leggendo la nostra guida, potrai scoprire quali sono ed in questo modo, potrai scegliere il modello più adatto alle tue esigenze, senza sprecare soldi, acquistando un prodotto costoso, che per le tue funzioni potrebbe rivelarsi inutile. Per facilitare la tua ricerca, abbiamo anche testato vari modelli di tagliabordi delle aziende più famose del mondo, per scoprire tutte quelle caratteristiche che in un attrezzo del genere non dovrebbe mai mancare. Allora cosa stai aspettando, continua a leggere!

Come si sceglie il tagliabordi

Curare il proprio giardino, in cui sono distribuite aiuole e siepi, è un compito più semplice se si utilizzano gli strumenti giusti. Uno di questi, è proprio il tagliabordi elettrico, che è una variante del classico decespugliatore, progettato per lavori da eseguire in corrispondenza con i bordi, appunto, ma anche marciapiedi e muretti. Di seguito, troverai una guida al cui interno forniamo numerosi consigli per districarsi nella selva dei modelli vari che è possibile trovare in commercio.

Com’è fatto il tagliabordi?

Il tagliabordi è formato da una struttura piuttosto standard, ma con elementi poi, che vanno a caratterizzare ogni modello progettato da questa o quell’altra marca famosa. Il primo fattore a variare tra i vari tagliabordi è la dimensione. In sostanza, questo attrezzo è caratterizzato da un’asta, a cui sono connessi il motore, l’impugnatura ergonomica ed un blocco che contiene la lama per il taglio. La cosa più importante da verificare prima di acquistare un attrezzo qualsiasi, è che i materiali utilizzati siano resistenti e pensati per durare a lungo. Inoltre, peso e dimensioni dell’apparecchio, dovrebbero essere finalizzati a facilitare il lavoro dell’operatore, rendendolo meno pesante e più maneggevole.

La tipologia di alimentazione

Prima di acquistare il tagliabordi, bisogna decidere che tipo di alimentazione lo deve caratterizzare. Come accennato in precedenza, in commercio si trovano tagliabordi elettrici con batteria o dotati di motore a scoppio. Ognuno di essi presenta vantaggi e svantaggi. Ma la scelta deve essere inevitabilmente legata alle proprie esigenze, a partire dalle dimensioni del proprio giardino. Un tagliabordi elettrico, con cavo elettrico, ad esempio, presuppone che l’aria in cui lavorate, sia anche predisposta per attaccare un cavo della corrente. In caso contrario, sarebbe meglio optare si per un tagliabordi elettrico, ma con batteria al litio. Questi, sono ideali per giardini di piccole medie dimensioni, ma se si devono affrontare lavoro più “duri”, allora potrebbe essere utile un tagliabordi con motore a scoppio, sicuramente più potente, anche se più rumoroso e pesante. Inoltre, quest’ultimo prevede anche l’acquisto del carburante per alimentarlo.

Versatilità di utilizzo

tagliabordiLa qualità di un tagliabordi, non è legata strettamente alla sua precisione di tagliare i bordi di un giardino, né tanto meno alla sua potenza, ma più che altro alla sua versatilità, ovvero alla ricchezza di accessori, che consentono di variare l’utilizzo dell’attrezzo a seconda delle varie tipologie di lavoro da affrontare. Facciamo qualche esempio per capirci meglio. Se confrontiamo due tagliabordi all’apparenza identici, ma con due prezzi completamente differenti, bisogna fare attenzione alla dotazione di accessori presenti. Quello più caro, potrebbe essere dotato di due o più lame, per esempio. Solitamente, le lame corte, servono per rifinire i bordi, mentre quelle più lunghe per “asfaltare” velocemente le siepi più alte. È chiaro che il discorso potenza non può essere trascurato del tutto, ma diventa un aspetto determinante, soprattutto se il proprio giardino è di grandi dimensioni e il lavoro da svolgere richiede la rimozione di una vegetazione rigogliosa e molto fitta. Per le piccole operazioni di pulizia, invece, potrebbe essere sufficiente un tagliabordi con un set di accessori buono e un motore di media potenza.

Utilizzo prolungato

Eseguire la manutenzione del proprio giardino, non è la cosa più divertente del mondo e nemmeno la meno faticosa. Tuttavia, se si utilizzano i giusti strumenti, potremmo rendere il lavoro più agevole. Questo stesso discorso, vale anche per i tagliabordi. Se si acquista il modello più adatto alle proprie esigenze, è già un bel passo in avanti. Tra gli aspetti più importanti da considerare prima dell’acquisto del tagliabordi, c’è da tener presente sicuramente la maneggevolezza del prodotto, che è strettamente legata al periodo di tempo con cui verrà utilizzato. Uno strumento pesante e poco confortevole, ci farà passare la voglia di curare il giardino a prescindere. Se il tagliabordi è facile da utilizzare, maneggevole e esegue il suo dovere in pochi passaggi, allora l’attività all’aperto sarà sicuramente più piacevole. Innanzitutto, è necessario scegliere un apparecchio dotato di una buona impugnatura, magari ergonomica, per non affaticare troppo la mano durante le operazioni. Tramite l’impugnatura, deve essere anche possibile regolare l’angolazione della lama e la lunghezza dell’asta, in modo da assumere ogni volta la posizione migliore per eseguire il lavoro più velocemente e con meno fatica. Altri valori aggiuntivi, che però possono fare il bello e il cattivo tempo nella scelta del tagliabordi, è senza ombra di dubbio la possibilità di piegare l’apparecchio dopo averlo utilizzato, per occupare il minor spazio possibile in cantina o in garage, e il “fattore” vibrazioni. Quest’ultimo, generalmente è legato alla potenza dell’apparecchio, ma anche alla solidità dei materiali con cui è stato costruito. Più sono leggeri e maggiori saranno le vibrazioni avvertite.

Quale marca scegliere

In commercio è possibile trovare tagliabordi di ogni brand più famoso. Se state cercando uno strumento da utilizzare ogni fine settimana per trascorrere piacevolmente il vostro tempo libero e che vi duri “una vita”, vi consigliamo di scegliere sempre prodotti delle marche più importanti. Questo perché i brand famosi possono garantire prodotti di qualità, progettati per durare, garanzia e chi più ne ha più ne metta. Per giardini di piccole medie dimensioni, sono adatti attrezzi a filo robusto, che sono in grado di tagliare anche erba un po’ più folta. Per la potenza, a seconda del tipo di alimentazione scelta, ci si può orientare su un 300 W per i modelli a corrente, o da almeno 20 cc per un modello con motore a scoppio.